Boschi del Respiro

Boschi del Respiro

Centinaia di nuovi alberi verranno posizionati nelle più belle piazze d’italia, attribuendo così l’imprinting della cultura e della storia e provocando una riflessione sull’importanza dell’albero in città, sul legame dell’uomo con la natura, capace di rendere i nostri territori vivibili.
Questi alberi esemplari autoctoni, dopo la cerimonia nelle piazze, saranno piantumati definitivamente nelle scuole e nei parchi delle città stesse.
Un segnale concreto di speranza e respiro per la Cultura di domani, in sintonia con la Natura e con la nostra terra.

Ecco cosa è successo in Italia per questa iniziativa:

Monza
A Monza, questi esemplari verranno posizionati 21 alberi in Piazza Duomo.

Saranno identificati con appositi cartellini per il riconoscimento.
Successivamente le alberature verranno piantumate in alcune scuole della città.

La Giornata Nazionale dell’Albero nasce con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza del patrimonio arboreo e boschivo mondiale ed italiano per la tutela della biodiversità, il contrasto ai cambiamenti climatici e la prevenzione del dissesto idrogeologico.

Livorno

I piccoli studenti del Circolo scolastico “Collodi” insieme all’assessore alle Attività Educative del Comune Carla Roncaglia si sono riuniti in piazza della Repubblica per “adottare” alcuni alberi.
Come decine e decine di altre piazze italiane, piazza della Repubblica per la giornata di oggi è stata trasformata in un “Bosco del respiro”. Vi sono infatti 15 tigli in vaso, alti 5 metri, portati dal Comune che in questo modo aderisce per il secondo anno all’iniziativa appunto chiamata “Bosco del respiro”. Manifestazione promossa in occasione della “Giornata Nazionale dell’Albero”dal Ministero dell’Ambiente e organizzata dall’Associazione Direttori e tecnici dei pubblici giardini in collaborazione con l’associazione Green City Italia.

L’assessore Roncaglia, insieme al responsabile dell’ufficio Parchi del Comune Mirco Branchetti, ha illustrato ai bambini il senso dell’iniziativa, che è quello di provocare una riflessione sull’importanza dell’albero in città, sul legame tra l’uomo con la natura, capace di rendere le città più vivibili. Tra le diverse funzioni attribuite agli alberi nella città – spiegano gli organizzatori della manifestazione – si ricordano la qualificazione estetica, la ricreazione, l’ombreggiamento, la regimazione delle acque e soprattutto la capacità di rimuovere inquinanti atmosferici dall’ambiente tramite le foglie. Alberi quindi come strumento importante da inserire nelle strategie per la protezione e il miglioramento della qualità dell’aria.

Giovedì 22 novembre (a partire dalle ore 9) i 15 tigli verranno portati e piantati al Parco Magini sul viale Risorgimento, a fianco delle scuole del Circolo scolastico “Collodi”. Ad aiutare i giardinieri del Comune a mettere a dimora le piante saranno gli scolari di numerose classi.

Trieste

Un grande e doppio girotondo dei bambini delle scuole dell’infanzia ed elementari ha concluso in piazza della Borsa a Trieste la «Giornata nazionale dell’albero – Boschi del respiro», iniziativa di sensibilizzazione ambientale patrocinata dal Ministero dell’Ambiente.
Circa duecento i piccoli che in mattinata con le maestre sono intervenuti alla festa finale, svoltasi attorno alla fontana del Nettuno, dove a cura del Verde pubblico del Comune di Trieste è stato allestito un piccolo «Bosco del respiro», con una ventina d’alberi di diverse specie e dove hanno fatto bella mostra i disegni realizzati dai bambini. L’appuntamento si è svolto in contemporanea con altre 20 città italiane.

Vicenza

Chi si è trovato oggi a passare per piazza dei Signori si è trovato davanti un colpo d’occhio sorprendente. Fino alle 18 infatti ai piedi della Basilica palladiana e della Loggia del Capitaniato un tappeto d’erba di 400 metri quadrati ha ospitato il «Bosco del respiro», che, come in decine e decine di altre piazze italiane, è stato proposto in occasione della giornata nazionale dell’albero dall’associazione Green City Italia con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e la collaborazione dell’Associazione italiana direttori e tecnici pubblici giardini, «per proporre una riflessione sull’importanza dell’albero in città, sul legame dell’uomo con la natura, capace di rendere le nostre città più vivibili». Il sindaco Achille Variati ha incontrato una decina di bambini della scuola primaria Vittorino da Feltre, al cui giardino sono destinate quattro delle 21 piante oggi posizionate nel cuore della città. L’assessorato al verde urbano ha infatti aderito all’iniziativa scegliendo alcune fra le centinaia di piante che proprio in queste settimane l’amministrazione comunale sta mettendo a dimora negli spazi verdi pubblici nell’ambito del progetto «500 Alberi per la Città di Vicenza».

Brescia

Brescia è sempre più verde. Anche quest’anno, per la seconda volta, si celebra in città la Festa dell’albero, iniziativa celebrata in Italia per la prima volta nel 1898 e che, dal 1951, per volontà dell’allora ministero dell’Agricoltura e foreste, è stata calendarizzata al 21 novembre.
Per questa occasione, in 21 città d’Italia, tra cui Brescia, parte l’iniziativa dei “Boschi del Respiro” promossa dall’Associazione Italiana Direttori e Tecnici Pubblici Giardini e patrocinata dal ministero dell’Ambiente. Alcuni alberi vengono posizionati nelle più belle piazze d’Italia, ricevendo così l’imprinting della cultura e della storia e facendo scaturire una riflessione sull’importanza del verde nelle città e sul legame dell’uomo con la natura.
In piazza Loggia è stato allestito un piccolo bosco con 12 alberi di specie autoctone, che resterà in centro fino a venerdì 23 novembre. Da lì, le piante saranno poi spostate e piantumate per metà nel parco Sant’Antonino, e per metà a San Polo. Ma intanto Brescia ha già superato la soglia standard annuale di nuove piantumazioni. Ogni anno vengono infatti piantati un migliaio di alberi, ma solo in questi giorni, al parco della Croce Rossa di via Nikolajewka, è in corso la piantumazione di 1.200 alberi. “Nonostante i tagli di bilancio”, ha commentato l’assessore al verde Mario Labolani, “Brescia è riuscita a rimanere verde”.

Sassari

Sono 101 gli alberi che verranno piantati in città in occasione della Giornata Nazionale dell’albero, prevista per mercoledì 21 novembre, grazie alla donazione dell’Ente foreste che metterà a disposizione le piante.
L’appuntamento è fissato per alle ore 15.30 nell’area verde di via Kennedy, in prossimità dell’incrocio con via Bove per celebrare, insieme alle famiglie dei bambini nati in città nel 2011, la Festa dell’Albero.

Come lo scorso anno verrà piantato un albero ogni dieci bambini nati e ad ognuno di essi verrà associata una targhetta riportante il nome e la data di nascita dei bambini. Ogni nuova pianta messa a dimora, diverrà simbolicamente “l’Albero dei nuovi nati” con l’augurio che ogni bambino e bambina, crescendo in un ambiente migliore, colga l’importanza di far parte di una collettività e lavori insieme per migliorarla.

Nei giorni scorsi il Sindaco di Sassari, Gianfranco Ganau e l’Assessore alle Politiche Ambientali, Monica Spanedda hanno inviato una lettera a tutte le famiglie sassaresi che lo scorso anno sono state allietate dalle nascita di un bimbo o di una bimba per partecipare insieme ai propri figli all’evento.
Anche quest’anno l’evento sarà caratterizzato dalla presenza dei bambini della sezione di Sassari dell’organizzazione internazionale “Plant for the Planet”, il movimento in cui ragazzi da tutto il mondo piantano alberi in segno di giustizia climatica.

In occasione della Giornata dell’Albero 2012 il Comune di Sassari, Assessorato alle Politiche ambientali, ha inoltre deciso di allestire in piazza d’Italia un piccolo bosco urbano, aderendo così ad un’altra iniziativa promossa dal Ministero dell’Ambiente e dall’associazione Italiana Direttori e tecnici pubblici Giardini, denominata “I boschi del respiro”. L’allestimento temporaneo prevede la posa di 21 alberi in esposizione sino a domenica 25 novembre.

Leave a Reply

Your email address will not be published.